Copparo Progetta: “Imu più bassa per i rustici abbandonati”

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B

Copparo. Copparo Progetta propone una revisione al sistema di tassazione Imu sui fabbricati rurali del Copparese. Come spiega Enrico Cavicchi, candidato al consiglio comunale per Copparo Progetta, lista a sostegno del candidato sindaco Diego Farina, “la tassazione Imu attuale si calcola sul valore catastale come base imponibile. Ne consegue che le vecchie abitazioni rurali, ormai in stato di graduale degrado naturale, vengono tassate sulla base del valore catastale spesso molto più alto del valore reale”.

Negli ultimi anni, nel territorio copparese e non solo, si è attuato un processo di graduale abbandono delle vecchie abitazioni coloniche, a favore di residenze più vicine ai centri abitati, comode ai servizi e soprattutto più idonee allo stile di vita attuale; i fabbricati rurali, rimasti disabitati, sono oggi comunque soggetti al pagamento dell’Imu, pur non producendo alcun reddito.

A fronte di questo, spesso i proprietari decidono di demolire tali costruzioni o di trasformarle, per evitare il pagamento di una tassa che in molti casi finisce per diventare insostenibile. “È un peccato – prosegue Cavicchi – vedere sparire fabbricati, talvolta testimoni delle nostre tradizioni, per non pagare una tassa che in pochi anni rischia di superare il valore del bene stesso”.

Copparo Progetta ha deciso quindi di inserire all’interno del suo programma elettorale l’alleggerimento della tassazione per la quota di Imu incassata dal Comune, su questa tipologia di immobili, per supportare economicamente gli agricoltori e per favorire la preservazione dei fabbricati rurali, salvaguardando il paesaggio agricolo tradizionale.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B