Voli blu e spese pazze; il Governo del “cambiamento” sperpera come prima

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B

I 5 Furbi attaccavano i governi precedenti per le spese pazze che i loro membri facevano a danno dei contribuenti italiani e promettevano che una volta arrivati al potere avrebbero cambiato. E invece? Invece sperperano come gli altri e nascondono i dati….Contratti senza gara, voli di stato costosissimi con catering e vino per ricchi, feste, porcellane di lusso e tutto quello che serve per far godere la vita ai nuovi padroni, grillini e leghisti, del vapore. Tanto paghiamo noi……..

Da https://www.ilfattoquotidiano.it/in-…colla/4968453/

Citazione:

Voli blu, il governo dimentica il cambiamento
Contratti da 120mila euro per catering e vino

Sul sito della Presidenza sono indicate 25 missioni della flotta che trasporta premier e ministri
Ma con l’accesso agli atti si scopre che sono in realtà almeno 105. E i costi sono identici al passato


Citazione:

Il 24 dicembre, la vigilia di Natale, Palazzo Chigi ha firmato un contratto da 120mila euro per il catering sugli aerei di Stato. Il 31 dicembre, il giorno del veglione, la stessa struttura ha ordinato 1.482 euro in vini per i passeggeri. La propaganda contro la casta ha un limite invalicabile: la realtà. Pure il governo gialloverde perpetua la solita gestione dei famigerati voli blu. Più che il cambiamento, si manifesta la perfetta continuità. Ogni dicembre Palazzo Chigi pianifica le spese per il ristoro a bordo e stanzia sempre all’incirca 120mila euro. E il governo Conte non fa eccezione


Citazione:

Il 24 dicembre, la vigilia di Natale, Palazzo Chigi ha firmato un contratto da 120mila euro – “affidamento in economia” – per il catering sugli aerei di Stato. Il 31 dicembre, il giorno del veglione, la stessa struttura ha ordinato 1.482 euro in vini per i passeggeri. La propaganda contro la casta ha un limite invalicabile, un muro che spesso la respinge: la realtà. Pure il governo gialloverde di Cinque Stelle e Lega – che propugna una politica francescana, essenziale, mezzi pubblici e felpe sdrucite – perpetua la solita gestione dei famigerati voli blu, fastidioso emblema del potere. Più che il cambiamento, si manifesta la perfetta continuità: ogni dicembre – e il governo di Conte non ha ribaltato la tradizione – Palazzo Chigi pianifica le spese per il ristoro a bordo e stanzia sempre all’incirca 120mila euro.

Il vino è una simbolica eccezione, tra l’altro un calice di rosso è salutare, e dunque si sopperisce semmai a una mancanza del passato. Qui la vicenda, e non la morale, va oltre qualche euro in più che di certo non infierisce sul bilancio italiano. Il tema è il rapporto “normale” – né populista né sovranista – tra i gialloverdi e i voli di Stato. Il portale del governo ha una pagina, aggiornata con estrema puntualità, che enumera i voli blu per ragioni di governo, umanitarie o di Stato. Questa pagina è soprattutto un cimelio che rammenta ai politici il controverso passaggio dei tecnici al governo: è la legge n. 98 del 2011, all’epoca di Mario Monti, che impone la trasparenza. Forse trasparenza è una parola eccessiva, un impegno esagerato, perché la legge scherma i viaggi del presidente della Repubblica, del presidente del Consiglio, dei presidenti di Camera e Senato e di quelli che restano segreti per ragioni di sicurezza nazionale. In sostanza: la trasparenza è una promessa che non si può mantenere.

Dal 1° luglio al 29 ottobre 2018, per esempio, il servizio voli di Stato riferisce che il 31esimo Stormo dell’Aeronautica militare ha svolto 25 missioni. E l’elenco propone i viaggi ampiamente raccontati dai media dei ministri, di Giovanni Tria o di Elisabetta Trenta o di Matteo Salvini. Con una richiesta d’accesso agli atti, però, il Fatto ha scoperto che il 31esimo Stormo ha completato 105 missioni nel periodo citato. E la discrepanza non si giustifica con le visite istituzionali delle più alte cariche dello Stato. Anche la dotazione per il catering da 120mila euro è superflua: l’esborso è più consistente, ma diluito nel tempo. Sempre dal 1° luglio al 29 ottobre 2018, come già documentato dal Fatto, le carte di credito di Chigi hanno acquistato 26.540 euro di catering in Italia, 14.851 all’estero, 3.720 per corredo al catering, cioè porcellane dell’azienda Manifattura di Venezia.


Citazione:

Allora è impossibile ricostruire il costo annuo dei voli di Stato: Palazzo Chigi li autorizza con l’ufficio del tenente colonnello Filideo De Benedictis e copre le spese impreviste (catering a parte); il 31esimo Stormo li controlla e si occupa di manutenzione, carburante, equipaggio. Nei prospetti finanziari del ministero della Difesa ci sono le previsioni di un triennio di “trasporto aereo di Stato” (non è incluso il personale): 25,1 milioni di euro per il 2018; 26,1 per il 2019; 26,1 per il 2020. I Cinque Stelle hanno celebrato più volte la rottamazione dell’Airbus A340 – il famoso Air Force Renzi da più di 150 milioni di euro per sette anni – e l’interruzione del contratto di leasing con Etihad (ex azionista di Alitalia), ma l’enorme quadrimotore è ancora parcheggiato a Fiumicino, il contenzioso legale con la compagnia emiratina è appena cominciato e il risparmio – ormai il danno è fatto – sarà di poche decine di milioni di euro. Al contrario, il 31esimo Stormo ha una flotta di almeno due elicotteri per ricerche e soccorso, tre modelli di Falcon, tre Airbus A319CJ. Il più capiente ha 50 posti. Il governo di Enrico Letta voleva vendere una coppia di Airbus: uno è andato all’asta e non ha ricevuto offerte, l’altro è di nuovo operativo. Perché per governare occorre volare. Non solo con la fantasia.


Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B