Montalto di Castro, indagati per peculato Sergio Caci, Carmelo Messina e Alessandro Fiordomi

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B

NewTuscia – MONTALTO DI CASTRO – Indagati dalla finanza per peculato il sindaco Sergio Caci, Carmelo Messina, presidente della Fondazione Vulci, e Alessandro Fiordomi, direttore della stessa Fondazione.

Dall’indagine è emerso che con i soldi per il parco essi finanziassero spese private, andando a sottrarre al sito naturalistico dell’Etruria meridionale circa 182 mila euro. I finanzieri, sotto la spinta della Repubblica di Civitavecchia hanno cominciato ad indagare sulla Mastarna Srl e sulla fondazione Vulci, portando alla luce il reato, iniziato nel 2012, attraverso testimonianze e l’esame dei documenti.

Sequestrati dunque i beni patrimoniali degli accusati, oltre alle polizze assicurative e ad ogni tipo di disponibilità finanziaria.

I soldi sarebbero stati spesi in pranzi e cene a cui avrebbero partecipato tra l’altro anche altri esponenti del Comune e in cui venivano addebitate all’Ente le spese e l’acquisto di altri generi alimentari.

La porzione maggiore sottratta corrisponde a quella del sindaco, 91 mila euro, ma tutti e tre dovranno rispondere alle accusa di peculato che prevede in caso di condanna anche il carcere da tre a dieci anni.

L’articolo Montalto di Castro, indagati per peculato Sergio Caci, Carmelo Messina e Alessandro Fiordomi proviene da .

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B