Il quarto turno della Polizia locale non si farà (per ora)

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B






Al momento non ci sono le condizioni, dunque il quarto turno della Polizia locale, al centro delle aspre critiche del sindacato Diccap/Sulpl e del centrodestra, rimane un progetto per il futuro, ma non vi è nulla di imminente alle porte. È questo quel che emerge dopo l’incontro tra i sindacati confederali Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil Fpl con il sindaco Tiziano Tagliani, l’assessore Aldo Modonesi, la comandante Laura Trentini, avvenuto nella giornata di mercoledì 13 febbraio.

Nessun quarto turno in vista, al momento. «A fronte della nostra posizione espressa in chiaro e senza giri di parole – affermano i sindacati -, il sindaco ci ha riferito quanto detto in consiglio comunale, cioè oggi non ci sono le condizioni economico finanziarie in grado di prevedere l’implementazione dei turni e inoltre tutto ciò che concerne il personale deve essere affrontato nella sede adeguata, la delegazione trattante». In altri termini: non ci sono soldi a sufficienza, non c’è una dotazione organica di vigili sufficiente e in ogni caso servono prima gli accordi con i sindacati. «Il quarto turno – conferma Tagliani a Estense.com – non è nell’orizzonte di questa legislatura, anche perché occorre fare degli investimenti, sia di carattere economico che di personale, per i quali non ci sono i tempi tecnici. Poi c’è un problema di formazione e di concorsi per le assunzioni necessarie». L’amministrazione tenterà comunque di creare una base per il piano: da un lato ci sono i 150mila euro previsti da una risoluzione al bilancio approvata a dicembre, dall’altro è allo studio una variazione al bilancio stesso, «ma – specifica il sindaco – dubito che ci saranno le risorse necessarie anche con l’avanzo del ’18, è necessario coinvolgere la prossima legislatura».

Sindacati confederali contro Diccap/Sulpl. Sulla questione si consuma però una scontro tra sindacati: quelli confederali da una parte e il Diccap/Sulpl dall’altra. Quest’ultimo, proprio mentre si svolgeva la riunione con l’amministrazione (chiesta dai confederali firmatari del contratto collettivo nazionale), ha annunciato lo stato d’agitazione e viene ora accusato di averla ‘motivata’ utilizzando le argomentazioni che Tagliani ha presentato ai sindacati. «Cgil Cisl e Uil vogliono evidenziare come immeritatamente il sindacato autonomo della polizia locale si è appropriato delle dichiarazioni del sindaco facendone una bandiera solo di parte, e millantando il merito della soluzione – si legge nella nota unitaria -. Se il sindacato autonomo avesse voluto esprimere dissenso avrebbe potuto farlo al tavolo del confronto visto che aveva delegato la sua rappresentante nonché dipendente agente di Pm del Comune di Ferrara. Ci viene da dire che è uno “schifo” ma sappiamo che questo termine abusato non colpisce più la sensibilità di chi legge. Gridiamo “vergogna” a chi conduce e propone rapporti sindacali al di fuori delle normali relazioni e pretende di imporre la propria volontà al di fuori delle regole contrattuali. Il sindacato autonomo in questione non ha firmato il Contratto Collettivo Nazionale del comparto delle Funzioni Locali e pretende fuori da ogni regola di rappresentare i lavoratori del settore della Polizia Municipale senza sottoscrivere il Ccnl».

Secondo Natale Vitali, segretario della Fp-Cgil, quella del sindacato autonomo «sembra quasi una campagna elettorale continua per l’estrema destra. Abbiamo un sistema di relazioni a Ferrara che se lo sognano, discutiamo di tutto». Il riferimento è anche all’altra polemica che i confederali lanciano all’indirizzo del Diccap su questioni contrattuali: «Perché costoro che protestano violentemente a parole sui social per il percorso che Cgil, Cisl e Uil stanno facendo a Ferrara non esercitano la stessa violenza nei confronti delle amministrazioni locali come Bondeno dove sono presenti solo loro? Quanto prendono i vigili per ogni uscita giornaliera? Quanto guadagnano i vigili nelle manifestazioni organizzate dai privati? Quanta previdenza complementare prendono secondo quanto previsto dall’art. 208 del C.d.S?». Secondo quanto riferisce Vitali a Estense.com, «la risposta è: zero per tutte le voci, mentre a Ferrara per l’uscita prendono circa 8,75 euro, le manifestazioni private vengono pagate dai privati e praticamente da sempre c’è una previdenza complementare da 800 euro all’anno».

Taser sperimentale. Durante l’incontro l’amministrazione ha riferito ai sindacati che presenterà, appena la ditta la metterà nelle condizioni, un progetto per l’avvio sperimentale dell’utilizzo del taser.

La nuova sede della Polizia locale. Ai sindacati è stata anche presentata la nuova sede del comando, che sarà operativa da settembre. «Seppur in un complesso edilizio comune – rilevano Cgil, Cisl e Uil – il comando risulta essere completamente autonomo (entrata, autorimessa, parcheggi, ascensore, scale ecc). Abbiamo chiesto l’implementazione dei già previsti (oltre 125 mq) di spogliatoi e la previsione di ulteriori arredi nei bagni. Tutti gli uffici sono dotati di finestre e sono previsti spazi comuni per oltre 120 mq per piano. Ad una prima analisi possiamo dire che lo stabile, seppur non grandissimo, risponde alle richieste che in questi anni abbiamo fatto in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro – sostengono i sindcati -. Saranno previsti circa 30 posti macchina interni (oltre a quelli in rimessa per moto e mezzi di servizio) che abbiamo chiesto di implementare per dare la possibilità a tutti e tutte coloro in servizio di parcheggiare in sicurezza. L’intero perimetro sarà video sorvegliato, abbiamo chiesto di estendere la video sorveglianza nei parcheggi limitrofi. L’Amministrazione si è resa disponibile a fare proprie le nostre richieste e a fare apportare i correttivi al progetto».

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B