Siniscola, il Sindaco: “Non mi faccio intimidire”

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B

“Non mi sono fatto intimidire prima e non lo farò neanche ora. Continuerò il mio mandato, forte dell’appoggio della mia squadra, con onestà e legalità”.

Così all’ANSA il sindaco di Siniscola Gianluigi Farris dopo le minacce di morte apparse sui muri del paese del Nuorese.

Il gesto potrebbe essere legato alle restrizioni imposte dal decreto Gabrielli sui falò di Sant’Antonio, che l’amministrazione comunale quest’anno ha deciso di applicare.
“Non ho la certezza che dietro a questo gesto ci siano i problemi legati ai fuochi ma può essere uno dei motivi – spiega il primo cittadino -. Le regole non piacciono a nessuno e sui
fuochi c’è sempre stata l’anarchia. Ora prima di accendere i falò all’interno del centro abitato bisogna presentare un progettino in Prefettura, in Commissariato e in Comune, con le misure e le distanze dalle case. Norme che devono essere rispettate anche dai 26 carri che procurano le frasche di legno”.

Il malcontento era emerso nelle riunioni preparatorie della festa in cui era presente anche il sindaco. “Premetto che sono state tutte riunioni tranquille – ha chiarito Farris – ma i
ragazzi mi hanno chiesto in tutti i modi di soprassedere all’applicazione del decreto, cosa che non può essere fatta: le regole vanno applicate come è giusto che sia”.

Leggi anche: 

Siniscola, minacce di morte al Sindaco: indagano i Carabinieri

L’articolo Siniscola, il Sindaco: “Non mi faccio intimidire” proviene da Cagliaripad.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B