Cagliari, la denuncia: “A mia madre Angela, invalida 86enne, non le ritirano lo scaldabagno rotto”

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B

Rifiuti a Cagliari, i disagi sembrano non arrivare solo con il porta a porta (tanti i cagliaritani che denunciano problemi legati al dove mettere i mastelli e ai costi extra per le ditte private che li movimentano). Arriva da Mulinu Becciu il racconto di Cecilia Putzu .ha 56 anni e vive in casa con la madre Angela Vitale, “un’ottantaseienne con una disabilità riconosciuta e certificata dal settanta per cento. Ho chiamato il servizio comunale per il ritiro di rifiuti ingombranti, dobbiamo disfarci di uno scaldabagno. Ho spiegato che mia madre ha ben più di sessantacinque anni, e che quindi il ritiro deve avvenire al piano, ma invece mi è stato detto il contrario, dovremo caricarcelo noi e portarlo fuori dal palazzo”.
“È assurdo, io non sono quasi mai in casa e, inoltre, ho da poco fatto una visita medica che certifica che sono a rischio di frattura lombare. Paghiamo una Tari di 418 euro, più sessanta euro a una ditta che porta via i bidoni condominiali della differenziata, più trenta euro di sacchetti. Trovo ingiusto che, nonostante in casa di sia un’ultrasessantacinquenne, non ritirino al piano lo scaldabagno”.

L’articolo Cagliari, la denuncia: “A mia madre Angela, invalida 86enne, non le ritirano lo scaldabagno rotto” proviene da Casteddu On line.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B