Prosegue nel 2019 il tour mondiale degli Iron Maiden, Steve Harris, “Non mi considero un grande bassista”

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B

Continua il tour d’oro per gli Iron Maiden che nelle settimane scorse hanno annunciato le date del Nord e Sud America per il 2019, dopo un successo immenso nel resto del mondo per tutto il 2018, comprese due date in Italia al Firenze Rocks e a Milano.

In un intervista rilasciata a Rock Talk negli Usa, Steve Harris, bassista dei Maiden ha parlato del tour e si è soffermato su una domanda che i giornalisti gli hanno fatto.

“Cosa ti rende un grande bassista?”, ma lui ha risposto come in pochi si aspetterebbero:

“Non saprei… non mi considero un grande bassista. In un certo senso, direi che sono un buon compositore, più che un buon bassista. Voglio dire che non analizzo più di tanto quello che faccio. Forse il mio tecnico potrebbe descriverti meglio la mia attrezzatura e il mio sound rispetto a quello che potrei dirti io. Ad ogni modo, dal punto di vista dell’esecuzione, credo io suoni in modo un po’ differente rispetto ad altri e questo è quello che mi viene sempre detto. Dal mio punto di vista è una cosa assolutamente naturale. Non ci penso più di tanto, veramente. Suono un pezzo come mi viene in modo naturale. Non è una tecnica che ho affinato o che altro, è solo una cosa naturale. La gente parla delle cavalcate e cose del genere ma si tratta di cose che derivano da due o tre pezzi che ho fatto quando ero giovane e che poi la gente ha associato a me”.

L’articolo Prosegue nel 2019 il tour mondiale degli Iron Maiden, Steve Harris, “Non mi considero un grande bassista” proviene da Cagliaripad.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B