FONDO EDO TEMPIA ORGANIZZA UN CONVEGMO INTERNAZIONALE SUL CANCRO

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&BMia Immagine

Medici e scienziati provenienti da vari Paesi d’Europa si riuniranno a Biella per parlare di cancro e condividere progressi e conoscenze nella prevenzione, nella cura e nella ricerca: s’intitola “Il controllo del cancro in Piemonte” il convegno si svolgerà tra hotel Agorà e Ospedale degli Infermi giovedì 13 e venerdì 14 dicembre. L’organizzazione è della Fondazione Tempia e del Fondo Anglesio Moroni di Torino e tra i relatori spicca il nome di Elisabete Weiderpass, che dal 1 gennaio assumerà la direzione della Iarc di Lione, l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro che, quale branca dell’Organizzazione mondiale della sanità, indaga sulle cause dei tumori e sui meccanismi che li generano.

Il titolo del convegno contiene uno dei suoi temi-chiave: il punto di partenza sarà la storia e i risultati ottenuti dal registro dei tumori piemontese dalla sua istituzione ai giorni nostri. «E per questo» sottolinea Roberto Zanetti, epidemiologo e vicepresidente del Fondo Anglesio Moroni «ha un senso che sia Biella a ospitare un appuntamento di tale importanza. Il Fondo Edo Tempia ha sempre dato impulso al lavoro del registro tumori, comprendendone la rilevanza». «Per noi è motivo di orgoglio non solo organizzare il convegno nella nostra città» aggiunge Viola Erdini, presidente della Fondazione Tempia, «ma consentire a specialisti e ricercatori di avere una importante occasione di confronto medico e scientifico sui principali progressi nell’ambito dell’oncologia, con l’obiettivo ultimo di migliorare la diagnosi e la cura del cancro, per diminuirne l’impatto sulla nostra società».

«Come azienda sanitaria» afferma il direttore generale dell’Asl di Biella Gianni Bonelli «non possiamo che supportare e favorire iniziative di formazione e approfondimento scientifico come queste. Abbiamo sempre esternato la volontà di valorizzare la vocazione oncologica del nostro ospedale, inserito in un territorio che da sempre ha una tradizione di attenzione e sensibilità in tema di oncologia. Continuiamo a credere in questo progetto e lo sosteniamo definendo sempre più un modello di approccio alla cura multidisciplinare, in linea con il nostro ruolo all’interno della rete oncologica Piemonte e Valle d’Aosta».

Sono biellesi e, più in generale, piemontesi anche molti dei relatori. La Fondazione Tempia porterà l’esperienza di Giovanna Chiorino, direttore del laboratorio di genomica, che illustrerà la recente scoperta, frutto del lavoro della struttura biellese, di un marcatore in grado di fornire una diagnosi precoce più accurata del tumore alla prostata, e di Maria Scatolini, responsabile del laboratorio di oncologia molecolare, che parlerà dei marcatori molecolari nei melanomi. Saliranno sul palco anche Daniele Liscia, Roberto Manzoni e Stefano Zaramella, direttori delle strutture complesse di anatomia patologica, dermatologia e urologia all’ospedale di Biella.

 

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per richiedere informazioni al B&B

Mia Immagine