San Giovanni Suergiu ritrova il suo “tesoro”, la cipolla autoctona. Un territorio che rinasce

Mia Immagine

Mia Immagine

Nei campi di San Giovanni Suergiu al via la semina della cipolla, certificata PAT. Sole, sabbia e speranza. Il Sulcis ritrova il suo “tesoro” e un territorio rinasce. La cipolla di San Giovanni Suergiu diventa Pat e nei campi abbandonati tornano vita e speranza. A inizio novembre comincia la semina.

Il “tesoro del Sulcis” era custodito nelle case di pochi, sapienti e lungimiranti, centenari contadini. Un seme antico, prezioso e dimenticato, quello della Cipolla di San Giovanni Suergiu, un piccolo e dolce frutto di una terra sabbiosa e assolata, perennemente in attesa della pioggia. Inizio di novembre è tempo di semina per quei terreni del Basso Sulcis, profondo sud Sardegna, sui quali passeranno acqua, vento e salsedine per almeno 6 mesi prima che, da aprile fino al 24 giugno per San Giovanni Battista, i contadini comincino a cavare questo concentrato di dolcezza e croccantezza, un frutto ipocalorico e diuretico, con proprietà organolettiche uniche.

cipolla san giovanni suergiu.2

Di questa cipolla, autoctona di questo territorio, si erano perse le tracce e i semi ma non la memoria, che viveva nei lucidi ricordi dei centenari che, anche in questo piccolo paese, tramandano storie centenarie, tradizioni millenarie ed esperienze di vita nei campi. Tutto sembrava doversi fermare lì poi la tenacia della giovane e capace Sindaca, Elvira Usai, ha dato il via a un progetto di rinascita e valorizzazione. Questa idea trova subito terreno fertile nel “Comitato cittadino per la Biodiversità” che, insieme alla collaborazione di tutta la popolazione, si attiva per la ricerca storica, l’indagine sui semi ritrovati negli stazzi vicini, la raccolta delle testimonianze degli “anziani saggi” del territorio ma anche per la trascrizione delle memorie orali delle vecchie ricette gastronomiche tradizionali. Tutto il lavoro si concretizza in un disciplinare per la coltivazione, la promozione e la vendita.

L’Amministrazione Comunale continua il supporto al progetto favorendo anche l’individuazione dei terreni, rigorosamente all’aperto, nei quali mettere a dimora il “piccolo tesoro ritrovato”. In verità qualche agricoltore, inconsciamente, tramandando il seme di secolo in secolo, di decennio in decennio, già coltivava il prezioso rossastro bulbo. Nel frattempo arriva la certificazione del Ministero delle Politiche Agricole che assegna alla “Cipolla di San Giovanni Suergiu” la certificazione Pat, Prodotto Agroalimentare Tradizionale.

Da quel momento si susseguono gli impegni per la tutela, la promozione, la coltivazione e la vendita ma, come sempre più spesso accade, arrivano anche i “prodotti falsi”, spacciati come prodotti PAT ma che, in realtà, provengono da altre parti del mondo. La Sindaca, quasi con un “atto di forza”, nel giro di 2 giorni disegna e registra il marchio, lo assegna ai 5 unici, per ora, produttori certificati: la cipolla è salva e vola al Salone del Gusto di Torino. Apprezzata per i suoi accostamenti con il tonno o con le uova, la cipolla, si sposa o nel più classico “pani cun cibudda”, focaccia ripiena di cipolle e cotta nel forno a legna.

Nel frattempo le richieste arrivano sempre più copiose e la eco dei riconoscimenti si estende dal Sulcis oltre i confini della Sardegna. Arrivano richieste di “collaborazione” per la sua trasformazione in conserve, confetture e, addirittura, usarla nella birra. Anche chef sardi, e non, si fanno avanti per “conoscerla” meglio. Idem fanno gli emigrati sangiovannesi in altre zone d’Italia che, in maniera sempre più frequente, chiedono informazioni su come tornare e ridare vita a terreni abbandonati per produrre e commercializzare il prodotto. Per la giovane Sindaca è un sogno che, giorno dopo giorno, si concretizza: “Il nostro obiettivo è quello di vedere i campi, ora abbandonati, nuovamente coltivati, magari dai nostri emigrati di rientro. Per questo crediamo nello sviluppo locale nella valorizzazione dei nostri prodotti tipici e nelle mani sapienti di chi vuole mantenerle attuali e farle conoscere”.

L’articolo San Giovanni Suergiu ritrova il suo “tesoro”, la cipolla autoctona. Un territorio che rinasce sembra essere il primo su cagliari.vistanet.it.

Mia Immagine

Mia Immagine