Reggio Emilia, condannato per ‘ndrangheta prende ostaggi alle Poste: “Voglio parlare con Salvini”

Mia Immagine

Mia Immagine

Un uomo condannato qualche giorno fa per ‘ndrangheta nel maxi-processo “Aemilia”, si è rinchiuso in un ufficio postale di Pieve Modolena (frazione di Reggio Emilia). L’uomo, Francesco Amato, irreperibile dal giorno ella sentenza, è armato di coltello e ha preso cinque persone in ostaggio.

Amato, originario di Rosarno (Calabria), era stato arrestato il 28 gennaio 2015 ed è stato condannato a 19 anni dai giudici del Tribunale di Reggio Emilia, nell’ambito dell’inchiesta “Aemilia”, relativa ai traffici delle cosche calabresi in Emilia. 

Dei cinque ostaggi una è già stata liberata ed è stata soccorsa dal 118 dopo aver accusato un mancamento. «Sono quello condannato a 19 anni in Aemilia, ammazzo tutti – ha detto l’uomo entrando nell’ufficio postale con un grosso coltello da cucina – Voglio parlare con Salvini».

L’articolo Reggio Emilia, condannato per ‘ndrangheta prende ostaggi alle Poste: “Voglio parlare con Salvini” sembra essere il primo su cagliari.vistanet.it.

Mia Immagine

Mia Immagine