Alberto Melis, ristoratore cagliaritano sotto choc: “Conoscevo e salutavo i miei futuri aguzzini”

Mia Immagine

Mia Immagine

Una tentata rapina che avrebbe potuto avere degli esiti “violenti”, come spiegato dalla polizia. I tre malviventi che miravano a svaligiare la casa e la cassaforte di Alberto Melis, ristoratore 45enne molto conosciuto a Cagliari – gestisce da anni l’Antica Cagliari e, da qualche mese, anche il Bistrot Antica Cagliari – non erano dei “mister x” agli occhi della vittima. Raggiunto telefonicamente, Melis spiega che “li conoscevo di vista perché sono frequentatori del rione della Marina”. Nessuna conoscenza approfondita, comunque, “eravamo a livelli di ‘buongiorno’ e ‘buonasera’, ma un gesto simile non me lo sarei mai aspettato”, afferma, deciso, Melis. “Non ho motivo di pensare a una ritorsione nei miei confronti”. I tre arrestati – Michele Pili, 41enne di Aritzo, Mario Calledda, nato a Sorgono 38 anni fa ma residente a Sestu e Angelo Pisano, 46enne cagliaritano – avevano imbastito un piano “diabolico”, a detta del dirigente della squadra mobile cagliaritana, Marco Basile.
Al momento del tentato blitz, all’interno dell’abitazione di Melis, al quinto piano di una palazzina nel centro di Cagliari, c’era solo sua moglie: “Sapevo di essere io la preda, è stato bruttissimo sapere che erano coinvolte e a rischio anche mia moglie e la mia figlioletta di quattro anni. Ai poliziotti va tutta la mia riconoscenza, spero che episodi così non capitino mai più”. C’è comunque un dettaglio – meglio, un’abitudine – che però potrebbe essere dura a morire: quella di conservare i guadagni all’interno di una cassaforte: “Lo fanno tutti i ristoratori, episodi simili sono successi, purtroppo, anche a dei miei colleghi. Non sono stato il primo”, osserva, sconsolato, Melis, “spero comunque di essere l’ultima vittima di un simile tentativo di furto”.

L’articolo Alberto Melis, ristoratore cagliaritano sotto choc: “Conoscevo e salutavo i miei futuri aguzzini” proviene da Casteddu On line.

Mia Immagine

Mia Immagine