Sinistra Spagna ad antipodi del def grilloleghista. Lì si pensa a famiglie e lavoro.

Mia Immagine

Mia Immagine

http://www.repubblica.it/economia/20…C6-P23-S1.6-T1

Italia e Spagna, due Manovre agli antipodi. Ecco perché mercati e osservatori premiano la visione di socialisti e Podemos

Pablo Iglesias e Pedro Sanchez

Entrambe le impostazioni rompono il patto con Bruxelles, ma in misura largamente differente. E quello che conta è la differenza nella parte "propositiva": mentre Roma si concentra sulle spese pensionistiche ed assistenzialiste, il grosso degli interventi di Madrid va sui lavoratori e le famiglie

di MAURIZIO RICCI

13 Ottobre 2018

Prima che qualcuno, da Palazzo Chigi, alzi il dito e dica "visto? Facciamo come la Spagna" è bene tirare una riga per terra e chiarire che la manovra di bilancio del duo Lega-5Stelle in Italia e quella della coppia socialisti-Podemos in Spagna sono profondamente diverse, per quantità e, soprattutto, per qualità. Anzi, in larga misura divergenti, se non contradditorie, sul piano delle ricadute sociali. Nessuno ha ancora definito la manovra italiana "la più a destra della storia", ma, di sicuro, nessuno si è neanche azzardato a chiamarla "la più a sinistra della storia", che è il giudizio con cui è stato accolto in Spagna l’accordo dei socialisti di Sanchez con i populisti di sinistra di Iglesias. Ambedue le manovre rinnegano gli impegni precedentemente presi (da altri governi) con Bruxelles: ma sono diverse le misure e le traiettorie.

Anzitutto, i numeri-cornice. La manovra che Roma sottopone alla Ue vale, in tutto, fra entrate e uscite, 40 miliardi di euro. Quella spagnola 11 miliardi, circa. L’Italia registra nel 2018 un disavanzo, rispetto al Pil, del 2,4 per cento. Intende fare lo stesso nel 2019, anche se il precedente governo Gentiloni si era impegnato con Bruxelles a scendere allo 0,8 per cento. Gli spagnoli, che erano al 3,1 per cento nel 2017, scendono quest’anno al 2,7 per cento e puntano, per il 2019, all’1,8 per cento. Il precedente governo Rajoy aveva preventivato, invece, l’1,3 per cento. In altre parole, tutt’e due i governi dicono "basta con sette anni di austerità". Ma quello italiano triplica il disavanzo previsto, quello spagnolo lo allarga solo del 40 per cento. Sono differenze che contano, sullo sfondo del debito pubblico: oltre il 130 per cento del Pil per l’Italia, sotto il 100 per cento la Spagna. La prova del fuoco la danno i mercati: da quando la Manovra del Popolo è stata annunciata, lo spread fra il Btp e il Bund tedesco è schizzato da 220 a oltre 300, con un balzo di 80 punti. Quello spagnolo, dall’annuncio di giovedì, è salito di una decina. E oscilla intorno ad un confortevole 117 punti. In tutti e due i paesi, comunque, non mancano gli scettici. In Italia, suscita dubbi l’intero impianto della manovra: troppo ottimistica, si dice, la previsione di crescita, senza la quale sia il deficit che il debito esploderebbero. In Spagna, si teme, più modestamente, che il governo sopravvaluti le entrate fiscali delle nuove tasse e che queste non bastino a coprire le spese previste.

Ma è lo spirito delle due manovre che è diverso. Quella italiana è concentrata sulla spesa: per investimenti in infrastrutture, ma soprattutto per sussidi alle fasce più povere, con reddito e pensione di cittadinanza. Contemporaneamente, all’altro capo della scala dei redditi, sblocco della pensione per lavoratori già benestanti, avvio di flat tax per piccoli e medi imprenditori e professionisti e un robusto condono tributario per cartelle di evasori anche pesanti (fino a 200 mila euro). Idealmente, nel pacchetto c’è anche il Decreto Dignità che ha reso meno convenienti e più macchinose le regole che presiedono al lavoro precario.

In Spagna, c’è un aumento del 3 per cento delle pensioni minime e la loro indicizzazione, ma il grosso degli interventi è concentrato sui lavoratori e le loro famiglie. Invece del reddito di cittadinanza, c’è un congelamento di fatto degli affitti nei quartieri popolari, l’aumento di un quinto del salario minimo, il raddoppio degli assegni familiari, il ritorno in forza del sindacato nei contratti di lavoro, la promessa di asili nido e materne per tutti, aiuti per i non autosufficienti. Come si paga tutto questo? Invece della flat tax, più tasse sui ricchi: aumento di 2 punti (dal 45 al 47 per cento) dell’Irpef sui redditi sopra i 130 mila euro e di 4 punti per quelli oltre 300 mila (in tutto, lo 0,5 per cento dei contribuenti più ricchi); aumento dell’1 per cento della patrimoniale per le ricchezze sopra i 10 milioni di euro, tassa dello 0,2 per cento sulla compravendita di azioni di aziende spagnole, imposta minima del 15 per cento sulle imprese con almeno 20 milioni di fatturato (l’1 per cento del totale). Per chi guarda lontano, c’è un’altra differenza che pesa: l’Italia si prepara a tagliare ancora una volta i fondi per la scuola, la Spagna si impegna ad aumentare i finanziamenti per istruzione e ricerca.

Mia Immagine

Mia Immagine