Spezia-Spal: le pagelle

Spezia Spal (Foto Stradini)

Spezia Spal (Foto Stradini)

(Foto Stradini)

di Simone Pesci

Alfred Gomis, 6: Spettatore non pagante per quasi tutta la partita, attento nel forcing finale dello Spezia quando esce di testa a sbrogliare una situazione ingarbugliata.

Thiago Cionek, 5: Tutte le volte che passano dalle sue parti, la sensazione è che possa sempre nascere qualche pericolo per la porta di Gomis. E’ arrivato da due settimane e sta lavorando per migliorare e tornare al Cionek che abbiamo ammirato da gennaio a Ferrara.

Francesco Vicari, 5: Non è al meglio per l’infortunio e si vede. E’ sempre in affanno, sembra quasi che non affondi mai il contrasto per proteggere la spalla. Mister Semplici, giustamente, lo cambia a inizio ripresa.

Felipe 6,5: Guida il reparto con autorevolezza, le occasioni pericolose passano tutte dalla parte di Cionek.

Manuel Lazzari, 6: Spinge, soprattutto nel primo tempo, e per lui è la solita prestazione di quantità e qualità. Attento anche sulla difensiva, dove spesso deve coprire le amnesie dei compagni di reparto.

Everton Luiz, 6: E’ un mastino, corre dietro a tutti gli avversari. Nel secondo tempo va anche vicino al suo primo gol con la maglia biancazzurra.

Pasquale Schiattarella, 6: Il napoletano gioca da regista e prende immediatamente in mano le redini del centrocampo. Prestazione senza infamia né lode, però si fa sentire con i compagni, apparsi distratti nel primo tempo. Leader vero.

Mattia Vitale, 5,5: Primo tempo così così per l’ex juventino. Nella ripresa fa crescere i suoi giri, però è spesso troppo impreciso.

Mohamed Fares, 6,5: Cresce con il passare dei minuti, lasciandosi alle spalle le incertezze dell’avvio. Dà il via all’azione del gol e pennella due assist per la testa prima di Lazzari e poi di Everton Luiz, che vanno vicini al raddoppio.

Mirco Antenucci, 6,5: E’ sempre lui: una prestazione di grande cuore e di corsa. Si cerca e spesso si trova con Petagna, il che fa ben sperare per il futuro.

Andrea Petagna, 6,5: Aldilà del gol si sbatte, fa a sportellate, serve i compagni, duetta con Antenucci. Sembra funzionale al gioco di mister Leonardo Semplici e in biancazzurro può togliersi, e dare, davvero tante soddisfazioni.

Subentrati:

Sauli Vaisanen (dal 46′) 6: Lo Spezia dalla sua parte non è quasi mai pericoloso.

Alberto Palochi (dal 71′) 5,5: Da uno come lui ci si aspetta di più. Corre senza quasi mai prenderla e fatica a far salire la squadra per dargli respiro nei momenti di difficoltà.

Filippo Costa (dal 84′) sv: Incide troppo poco sull’andamento del match.

Leonardo Semplici, 6: Sa che la squadra deve crescere di mentalità e condizione. Prova a farlo capire ai suoi fin dai primi minuti. All’intervallo si fa sentire e dopo settanta secondi della ripresa la Spal trova il gol decisivo.

Mia Immagine